Menu Chiudi

Sogno

Sogno
Sogno di mezza estate
Sogna finchè hai voce
Quando la notte è scura
Quando il giorno inizia
Il sogno cogli
Come primizia
Come segno di alte mura
Che difendono la tua città
Sogno eppur son desto
Voglio che si è fatto posso
Sogno è un mare mosso
Sogno di svegliarmi presto

 

Giosuè Banconi

 

__________________________________________________________________________

 

Una lettrice della poesia “Sogno”

Libere associazioni incorniciate dalla grammatica del verso.
Il sogno “segno di alte mura” che circondano e nascondono i nostri oggetti, la nostra verità, le nostre tempeste.
Ma se è l’inconscio che questi versi richiamano alla mia lettura, l’autore ne mostra il fluire tra la vita del sogno e quella cosciente.
E un desiderio che dell’inconscio dice la sua verità più autentica.

Arianna Pagliardini